Tristezza di Erode 7/11

Come danzi leggera, Salomè!

Sembri volare sui tuoi piedi scalzi.

Sollevata nell’aria tra i tuoi veli

Sei senza peso, puro desiderio.

Nulla può su di te l’amara forza

Che ci schiaccia e costringe sulla terra.

Lasci cadere intanto il quarto telo.

E’ giallo. Tu sei il sole e quello è un raggio

Che scende a illuminare la mia reggia

E mette in fuga il buio della notte.

Danza, mia Salomè, danza mia vita.

da Attraverso la vita, EGI 2001.