Tristezza di Erode 8/11

L’inquieta luce rossa delle torce

Accende il tuo bel viso, Salomè.

Splendono le tue spalle, e le tue braccia

Serpeggiano nell’aria come fiamme.

Sei bella come un tempo era tua madre

Tu però bella lo sarai per sempre

Nel cuore di chi ha visto la tua danza.

Abbandona il tuo seno il quinto velo.

E’ azzurro come il mare e come un’onda

Si solleva e ricade lentamente      

Sulla sabbia dorata dei tappeti.

da Attraverso la vita, EGI 2001.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.