[Così dunque del tutto hai scordato…]

Heinrich Heine (1797 – 1856). Traduzione di Amalia Vago.

 

Così dunque del tutto hai scordato,
che sì a lungo il tuo cuore m’hai dato;
sì dolce e sì falso il tuo piccolo cuore,
che nulla più dolce e più falso esser può.

E dunque l’amore e il dolore hai scordato,
che tennero a lungo il mio cuore serrato.
Se fosse maggiore l’amore o il dolore
non so: furono grandi ambedue, questo so.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.