Note di diario. 7 maggio 2000

Dice Rilke: una volta risposto “DEVO” alla domanda “Devo io scrivere” …avvicinatevi alla natura.  Tentate come un primo uomo al mondo di dire quello che vedete e vivete e amate e perdete  …raffigurate le vostre tristezze e nostalgie, i pensieri passeggeri e la fede in qualche bellezza, raffigurate tutto questo con intima, tranquilla, umile sincerità e usate, per esprimervi, le cose che vi circondano, le immagini dei vostri sogni e gli oggetti della vostra memoria… la vostra infanzia, questa ricchezza preziosa, regale, questo tesoro dei ricordi… tentate di risollevare le sensazioni sommerse di quel vasto passato… Forse si dimostrerà che siete chiamato all’arte. Allora   assumetevi tale sorte e portatela, col suo peso e la sua grandezza, SENZA MAI CHIEDERE IL COMPENSO, CHE POTREBBE VENIR DI FUORI. Ché il creatore dev’essere un mondo per sé e in sé trovare tutto, e nella natura, cui s’è allenato… volevo consigliarvi ancora solo di SOSTENERE LO SVILUPPO CALMO E SERIO; non lo potete disturbare più violentemente che se guardate fuori e attendete di fuori risposta a domande, cui può forse rispondere solo il vostro più intimo sentimento nella vostra ora più sommessa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...