Le belle stagioni di Franz Krauspenhaar

poesiaoggi

Aprile è stato una cometa, un asteroide
o chissà chi, lei non sa chi è, chi sono io,
gioca coi nostri sensi risvegliati, da parti
senza nome e cognome. Così, silenziato,
un muscolo involontario, l’aprile passa
come una nuvola, o un segno di matita,
sul foglio. Non ne ricordo che spioventi minuti,
contro un sole abbastanza infelice, dentro attimi
compromettenti, senza entusiasmi. Aprile,
dolce dormire, in un letto di paglia e di fieno,
dentro una ciotola da bar, con patatine avviluppanti,
e ginger rossi catena di moto sull’asfalto, il morto
subito volto, col giubbotto di pelle sopra il corpo
cadavere. Sei stata a casa e hai fatto le valigie,
per Parigi. Ad aprile è normale dopo Pasqua,
che ha sfiorato appunto l’aprile alla fermata
d’ogni autobus. Al 31 marzo, quest’anno, come
in un dolce buco della serratura, di cioccolata
in uova. Sei andata a Parigi nel dolce contrappunto
di quasi…

View original post 71 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...