Poesiola in dialetto camplese – 1

Cacchə cosə j’amanghə a ’šta parlatə,
cərtə voddə nzə trovə li parolə;
per esembjə, sə nna vu fa mattə a rrətə
gnə lu pu’ dəcə a na uajonə: «Ta amə».

Ma nən è nu prubblemə accuscə ggrossə,
e jə ggià so truvatə lu səstemə:
quandə ’šta cosə jə la vu fa capə’.
pruvəjə a ddəcə: «Tu mi fi murə’!».

(1989)
(Il carattere ə indica il suono della e francese nell’articolo determinativo le; il carattere š, il suono di sc nella parola scena.)

Za1.

annonudo

LA CAVERNA

Ghiacciai, mammut, deserti. Rocce nere, notturne, simili a case; nelle rocce, caverne. E non si sa chi di notte strombazza sul sentiero di pietra tra le rocce, e agita la bianca polvere di neve fiutando la strada; forse è un mammut dalla proboscide grigia, forse il vento. O forse il vento stesso è il barrito glaciale del più mastodontico dei mammut. Una cosa è certa: è inverno. E bisogna stringere più forte i denti per non farli battere; e bisogna spaccare la legna con un’ascia di pietra; e ogni notte bisogna portarsi dietro il proprio falò da una caverna all’altra, sempre più in profondità, e bisogna raggomitolarsi sempre più stretti in ispide pelli di animale.
Un mammut dalla proboscide grigia vagava di notte tra le rocce, là dove secoli prima si trovava Pietroburgo. E gli uomini delle caverne, avvolti in pelli, cappotti, coperte, stracci, battevano in ritirata da…

View original post 690 altre parole

Il Re di tutte le posizioni

Yoga & Neurologia funzionale

Sirsasana NyC 3 New York City

Salamba Sirsasana – Salamba significa sostegno, sirsa, testa. E’ la più importante e basilare posizione dello Yoga. Il re di tutte le posizioni.

Provate questa posizione con l’aiuto di un esperto insegnante, la tecnica è molto importante, sia nell’ esecuzione della stessa che nell’ imparare la caduta (sempre con un sorriso).

Buona pratica.

SalambaSirsasanaSalambameanssupport, sirsahead. It ‘s themostimportant and basicpositionof Yoga. The kingofall positions.
Trythis positionwith the helpof an experiencedteacher, the techniqueis very important.

Learnthe fall(always with a smile).

Good practice.

Sirsasana Miami Miami Beach

 

Namasté e Ap7yoga

View original post

Zo2.

annonudo

Storia di uno speculatore

A Leningrado viveva un certo Sisjaev. Un tipo parecchio furbetto. Durante la Nep, quando ancora c’erano i privati, faceva il parrucchiere. Solo che, oltre a occuparsi di frangette e barbette, trafficava anche valuta straniera e, in genere, combinava altri affaretti loschi. E poi, si capisce, fu beccato. Lo pizzicarono al suo trentesimo anno. Per un po’ se ne stette dove conviene. E presto, caro mio, lo cacciarono via da Leningrado, lo mandarono da qualche parte un po’ più lontano. In parole povere, oltre alla pena, gli dettero in più o in meno sette anni, o otto, lo sa il diavolo
1. Io di questi fatti ricordo poco.
Insomma, per farla breve, dato che era uno speculatore, lo spedirono nella regione di Narym. E così questi, volente o nolente, partì.
Ma bisogna dire che lui l’arresto se l’aspettava. Il suo cuore era irrequieto. Già da una…

View original post 730 altre parole

Za3.

annonudo

Martin Martynič posò il secchiello sulle scale scure e ghiacciate, si voltò e dette una bella botta alla prima porta. Tendendo l’orecchio, udiva solo il secco brivido della ossa, e il proprio respiro tremante, discontinuo, intermittente. Allungò la mano nello stretto stanzino tra le due porte, tastando trovò la legna, un pezzo, poi un altro, e un altro… No! Si buttò velocemente sul pianerottolo, socchiuse la porta. Adesso bastava solo colpirla un po’ più forte, per far scattare la serratura…

Ma non ne ha la forza. Non ha la forza di sbarrare la porta al domani di Maša. Sulla linea tracciata dal suo respiro flebile e intermittente si stavano scontrando mortalmente due Martin Martynič: quello di prima, di Skrjabin, sa che è sbagliato. E quello nuovo, della caverna, sa che è necessario. L’uomo della caverna calpesta, stringe al collo, digrigna i denti. E Martin Martynič aprì la…

View original post 123 altre parole

Ragione, desiderio

Brotture

zab1.jpg

L’uomo che vive secondo il dettame della sola ragione è una mera astrazione. In ogni caso bisognerebbe stabilire prima di quale ragione si parli. La sapienza filosofica greca ha sempre pensato che il vivere secondo ragione consista nell’adeguarsi all’ordine del mondo e al movimento circolare dei cieli: nell’intendersi parte di un tutto razionale e divino l’uomo trova realizzazione e felicità. La sapienza tragica degli stessi Greci, di contro, vede nel mondo umano il trionfo dell’ingiustizia e della violenza, che solo il sacrificio può placare. Anche qui vi è una ragione: non vedere che alla base dell’umano sta la violenza è infatti obnubilamento e follia. Se tutti gli umani morissero “sazi di giorni” di morte naturale in tarda età, forse la morte non sarebbe un problema. Ma basta volgersi intorno e si vede che non è così, e così non è mai stato: muoiono i bambini, e la violenza miete vittime innocenti.
Il…

View original post 293 altre parole