Baci e contesti

Guido e l'autismo

DSC01153L’autismo  è sempre anche un problema di contesti, che per gli umani sono infiniti e mutevoli, e che la mente deve cogliere e gestire con rapidità adeguando il comportamento. Per un autistico a basso funzionamento e averbale come Guido, adeguare il comportamento al contesto è tanto difficile quanto comprendere il linguaggio e gli atteggiamenti delle persone. Praticamente impossibile. Guido, poi, è totalmente privo di capacità mimetica, e quindi non ha mai imitato niente e nessuno, a nessun livello. Anche l’atto di baciare non l’ha appreso per imitazione. E, ovviamente, i suoi baci sono sempre decontestualizzati. Ad esempio, può capitare che durante una passeggiata in montagna, quando bisognerebbe camminare, si blocchi e fermi la mamma per sbaciucchiarla. Cosa scatena questo comportamento? Perché agisce così in questo momento, in questo contesto e non in altri più sensati? Nessuno può saperlo, non ci sono analisi degli antecedenti e delle conseguenze che possano fornire…

View original post 95 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...