Belomor4.

annonudo

DETENUTI

Convogli in marcia

Lungo la vecchia strada di Murmansk, con quel suo profilo brutto e aspro che in seguito avrebbe subito tanti mutamenti, con le sue curve brusche e i suoi pendii, con i suoi malinconici stornelli di ruote, come non se ne sentono per le strade regolari, lungo questa strada passano i convogli.
Nel vagone ci sono le donne deportate al nord. Nel vagone esse provano le loro ultime impressioni “libere”. Ancora regolano i conti, ricordano le bisbocce, i precedenti penali, i furti; ricordano i giovanotti biondi con la scriminatura laterale. In un angolo balena chissà che “Grand Hotel”, un uomo di nome Kolja, il topo d’appartamento Griša, soprannominato “Scarabeo”. Le monache si scambiano bisbigli riguardo alla cupola della chiesa che stava giusto per venire restaurata da un momento all’altro, ma il potere sovietico non aveva lasciato che il miracolo si realizzasse e quello si era inceppato a…

View original post 3.594 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...