“The imitation game” di Morten Tyldum

Carteggi Letterari - critica e dintorni

THE IMITATION GAME

Regia di Morten Tyldum. Con Benedict Cumberbatch (Alan Turing), Keira Knightley (Joan Clarke), Matthew Goode (Hugh Alexander), Charles Dance (Denniston).

GB/Usa 2014, 113’.

Distribuzione: Videa – CDE.

1939. Alan Turing prende un treno, attraversa città, campagne, cammina. La sua meta è Bletchley Park, il sito dell’unità principale di crittoanalisi del Regno Unito, e la mdp pedina l’uomo – perlopiù alle spalle e con carrellate a seguire – fino alla sua entrata nello studio del Generale Denniston, laddove si terrà il colloquio di lavoro che cambierà il destino della Seconda Guerra Mondiale.
Fin qui lo sguardo del regista norvegese Morten Tyldum su una delle figure più enigmatiche del Novecento sembra riverente e curioso. Brevi filmati di repertorio contestualizzano l’azione, il tema musicale di Desplat introduce con pathos motivi di audacia, mistero e destino, e la cornice strutturale della vicenda con la voce fuori campo del protagonista (1951, Manchester…

View original post 235 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...