Adelina Patti: il segreto è risparmiare

Il cavaliere della rosa

PattiGR

Una deliziosa carte de visite uscita dall’atelier Earl di Worcester ritrae una giovane Adelina Patti, colta probabilmente durante un tour nella provincia inglese. Nata nel 1843, direi che la fotografia si può situare in qualche momento degli anni Sessanta dell’Ottocento, quando la Patti era già diventata, seppure giovanissima, la beniamina del Covent Garden. Doveva essere più o meno così quando, nel 1868, cantò assieme a Marietta Alboni ai funerali di Gioachino Rossini nella chiesa della Trinité a Parigi.
Molti anni dopo, nel 1905, un giornale americano pubblicava un breve articolo firmato da Adelina Patti (Baronessa Cederstrom), nel quale l’ormai stagionata diva riassumeva in poche righe il segreto della propria longevità vocale. Come sempre, a stare a sentire queste primedonne sembra che la loro grandezza sia frutto principalmente della munificenza degli dei, gestita con poche regole di buon senso e alcuni minuti di studio giornaliero. Naturalmente nessuno crederà mai che la Patti studiasse…

View original post 414 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...