Rachmaninov – Concerto per pianoforte e orchestra n. 2

diesis&bemolle

Sergej Rachmaninov – Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in do min., op. 18

Straordinario virtuoso della tastiera, Sergej Rachmaninov esprime nelle composizioni per il pianoforte il suo carattere introverso e solitario e dimostra indifferenza verso le novità espressive dei primi decenni del XX secolo.
Dei quattro suoi concerti per pianoforte, il secondo è il più famoso e il più eseguito per le sua scrittura brillante e ricca di momenti di grande lirismo; il pianoforte riveste un ruolo di primo piano contrapponendosi all’orchestra in un raffinato gioco sonoro.

View original post 465 altre parole

Rachmaninov – Concerto per pianoforte e orchestra n. 3

diesis&bemolle

Sergej Rachmaninov – Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 in re minore, Op. 30

Maestoso, irto di difficoltà, il Concerto n. 3 di Rachmaninov per pianoforte e orchestra gode di grande popolarità, specialmente dopo l’uscita del film “Shine” del 1996 che narra la drammatica storia del pianista australiano David Helfgott; richiede al solista grande abilità tecnica e molta resistenza, pertanto spesso è scelto come banco di prova per i giovani aspiranti virtuosi.


View original post 259 altre parole