http://www.cooperativaletteraria.it/index.php/cooplett-news/118-fuoriasse-21/832-fuoriasse-21.html

FuoriAsse n21_HD

FuoriAsse n21_HD

FuoriAsse n21_HD

FuoriAsse n21_HD

Annunci

Luca Ragazzini su Atlante con figure

venerdì 15 dicembre 2017

“Atlante con figure” di Roberto Michilli

Atlante con figure (Edizioni Galaad, 2016) è un romanzo dal sapore antico, in cui la scrittura è strumento di ricomposizione e ricapitolazione. Strutturato come una narrazione unica, senza capitoli, il testo consta di fitti paragrafi disposti cronologicamente (dagli anni ’50 ai primi anni ’70), dove il ricordo si fa descrizione, e la descrizione si fa a sua volta pensiero. Sullo sfondo delle vicende di quei decenni (il boom economico, l’introduzione della penicillina, la morte di Kennedy, il primo trapianto di cuore), il protagonista ripercorre i momenti salienti della sua vita: l’infanzia, il gioco, la scuola, la scoperta della sessualità, dell’amore, della malattia, della morte, il mondo della politica e del lavoro, e lo fa avvalendosi di un vocabolario sterminato, ricco di termini desueti e nomi di oggetti e strumenti da lavoro ormai dimenticati. Ogni situazione si pone all’attenzione del lettore alla stregua di un rito di passaggio, con i suoi percorsi di crescita e i suoi margini di mistero, ed esemplari risultano in tal senso i paragrafi Il disco del cuore, dove il protagonista ricorda il turbamento provato nell’ascolto di un vinile contenente il solo battito cardiaco, e Atlante con figure, il paragrafo che dà il titolo al romanzo, in cui un vecchio atlante di seconda mano, nato per scatenare voli di fantasia verso luoghi lontani, diverrà monito d’incompletezza, di limite, d’inaccessibilità, a causa di una pagina strappata che celerà per sempre il nome del primo proprietario del libro. Semplice e sontuoso allo stesso tempo.

 

https://vocidellapiccolaeditoria.blogspot.it/2017/12/atlante-con-figure-di-roberto-michilli.html

Atlante con figure alla Biblioteca Delfico

Invitoevent-cover-bob

Atlante con figure è un album di scritture, ricordi, brevi racconti, archeologie lessicali ed emotive di un bambino italiano fra gli anni Cinquanta e gli anni Settanta. Ricordi personali, e dunque universali, di un’infanzia lontana che non ha smesso di essere presente. (Tiziano Scarpa)