Sulla strada esco solo

Michail Jur’evič Lermontov (1814-1841); traduzione di Tommaso Landolfi.

Sulla strada esco solo; tra la nebbia
Il sassoso cammino luce; è notte
Calma. Il deserto porge orecchio a Dio,
E le stelle parlano tra loro.

Mirabile e solenne il cielo!
Dorme la terra in un azzurro nimbo…
Cosa dunque m’opprime, e mi fa male?
Che cosa aspetto, che cosa rimpiango?

Nulla più aspetto dalla vita,
E non rimpiango per nulla il passato;
Libertà cerco e pace! Ecco, vorrei
Abbandonarmi, addormentarmi!

Ma non del freddo sonno della tomba…
Addormentarmi sì, che fosse in petto
Sopita la vitale forza, ed esso
Si sollevasse piano nel respiro;

Che notte e dì, blandendomi l’udito,
D’amore mi cantasse dolce voce,
Che sopra me, in eterno verdeggiando,
S’incurvasse e frusciasse bruna quercia.

(1841)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...